Con il Decreto ministeriale n.55 del 3 aprile 2013 è stato completato l'iter normativo iniziato con l'entrata in vigore dell'articolo 1, commi da 209 a 213 della Legge 24 dicembre 2007, n.244, attinente all'obbligo di fatturazione elettronica per le Amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico della pubblica amministrazione, come individuate dall'Istat ai sensi dell'articolo 1, comma 2 della legge 196/2009.

La fattura elettronica per la pubblica amministrazione è un documento digitale prodotto in formato xml secondo gli standard tecnici definiti dal Ministero dell'Economia e delle Finanze: a partire dal 31 marzo 2015 sarà la sola tipologia di fattura accettata dagli enti della pubblica amministrazione, inclusi gli enti locali (l'obbligo è già in vigore - dal 6 giugno 2014 - per ministeri, agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza e assistenza sociale).

Vale la pena ricordare che il Codice Univoco Ufficio è una informazione obbligatoria della fattura elettronica e rappresenta l’identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SDI), gestito dall’Agenzia delle Entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all’Ufficio destinatario.

Seguono i codici univoci attivi per ogni servizio.

 

UNITÀ ORGANIZZATIVA CODICE UNIVOCO
Servizio Affari Generali QYZFHW
Servizio Affari Sociali U3J2IJ
Servizio Finanziario e Tributi X0ZACB
Servizio Polizia Municipale UDGZ0E
Servizio Tecnico XFS8CR
Ufficio per la transizione al Digitale DLYUIB
Uff_eFatturaPA UFXB1Y

 

Inoltre ai sensi dell’art. 25 del Decreto Legge n. 66/2014, al fine di garantire l’effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, le fatture elettroniche emesse verso il nostro Ente dovranno riportare:

  • il codice identificativo di gara (CIG), sempre obbligatorio ad eccezione delle ipotesi di esclusione dall’obbligo di tracciabilità di cui alla Legge n. 136/2010 ora individuate in modo univoco nella tabella “Allegato 1” al Decreto Legge n. 66/2014 come convertito in Legge n. 89/2014;
  • il codice unico di progetto (CUP), necessario in caso di fatture relative a opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari e ove previsto ai sensi dell’articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3.

Infine i soggetti passivi dell'Iva devono emettere fattura secondo quanto previsto dall'articolo 21 del Dpr 633/1972 con l'annotazione"scissione dei pagamenti".

Visite: 93

Torna su